BLOG

Blog Rue Saint Jules StyleIl mio blog: consigli di moda, accenni di cultura, qualche confidenza e un pizzico di cucina!

La sposa di Elisabetta Polignano 2020

Posted by on 18, aprile, 2019 in Appunti sulla moda | 0 comments

La sposa di Elisabetta Polignano 2020 si ispira alla figura femminile contemporanea e non guarda più al passato. L’abito per l’occasione più importante nella vita di ogni donna celebra una femmina forte e grintosa ma anche romantica e sognatrice, in cui convivono le diverse sfumature.
E’ una donna che vive il cambiamento ed è in continua trasformazione, che sa far tesoro dei valori che le sono stati tramandati, desidera un futuro migliore per i suoi bambini e lotta per realizzarlo. E’ la storia di una donna meravigliosamente complessa che non teme il cambiamento e si trasforma, vivendo pienamente la la sacralità del matrimonio e poi ancora l’amore per il gioco e la leggerezza. Gli abiti della linea Haute Couture EP Elisabetta Polignano stupiscono per la ricercatezza dei tessuti, ispirati agli elementi della natura in un’unione tra il mondo adulto e quello infantile: organze di seta leggerissime, tulle, georgette accanto a tessuti strutturati come il mikado.
I colori sono tenui, infantili – giallo, azzurro, rosa pastello – per poi stupire con la sacralità dell’avorio e dell’oro. Magici effetti tridimensionali con morbide forme di onde, petali di fiori che si appoggiano sulle gonne come ali di farfalla, fiocchi morbidi, ricami colorati, pizzo applicato con un effetto dinamico di movimento. E ancora, il plumetis: una coccola per chi lo indossa, un invito a tornare bambine, perché ogni donna, quando si sposa, ha voglia di sognare. 
Si confermano freschi anche i capi della linea Vision, che tuttavia mantengono una maggiore continuità e coerenza con le Collezioni passate, nel segno della tradizione. Elisabetta Polignano si conferma una stilista eclettica e attenta al mercato, oltre che instancabile nella costante ricerca stilistica che rende ogni linea unica e originale. Ogni singolo abito rispecchia l’estrema attenzione nella scelta di tessuti e materiali, la dedizione totale ad una realizzazione puramente sartoriale ed è una celebrazione del vero Made in Italy. E sempre un piacere ammirare le creazioni di Elisabetta Polignano che, ogni anno, è capace di stupire.
A presto. Lady RSJ
Elisabetta Polignano Bridal Collection 2020 _ guarda il video

Design Week 2019 a Milano

Posted by on 11, aprile, 2019 in Appunti sulla moda, ☺Idee per il weekend | 0 comments

Idee-per-il-week-endDesign Week 2019 a Milano: uno degli eventi più attesi dell’anno che porta nella città meneghina moltissimi designer e crea l’atmosfera per una grande festa. Gli eventi del Fuori Salone sono numerosi. Guardando qua e là , eccovi una breve selezione da non perdere:
  • Nendo presenta Shape of Gravity: una collezione di lampadari e arredi in vetro all’Istituto dei Ciechi, Via Vivaio 7… da vedere!
  • Tom Dixon presenta le sue nuove lampade, tavoli e sedie da TheManzoni. Si tratta anche del suo nuovissimo ristorante (e showroom) da 100 coperti che aprirà a inizio aprile in via Manzoni 5 e qui non mancherà una festa esclusiva con accompagnamento musicale di Alessandro Ristori e della sua band;
  • Progetto Planetario di Cristina Celestino nel Brera Design Apartment: Un concept retro futuristico interpretato dalla designer con le moquette di Besana Carpet Lab e le luci di Esperia;
  • Non potete dimenticare la fantastica installazione dedicata a Leonardo AQUA. La visione di Leonardo”Dal 6 al 14 aprile dalle 10 alle 22 (ingresso ogni 10 minuti);
  • Se vi piacciono i “bagni di folla” non potete mancare il 10 aprile h 18 al DESIGN PRIDESi tratta di una parata che partirà da Piazza Castello (angolo via Minghetti). Un corteo animato da carri, musica, balli e performance, che attraverserà il distretto per arrivare in Piazza Affari dove si svolgerà Party Tempo Rocks, un grande live party dalle 19 fino a notte fonda.
  • Interessante anche Palazzo Litta in corso Magenta che, nei giorni del Fuorisalone, ospita The Litta Variations / Opus 5, una selezione di 22 espositori da 11 paesi con 65 designer coinvolti;
  • Bella anche la mostra sui migliori designer olandesi Masterly-The Dutch in Milano, nel bellissimo Palazzo Francesco Turati di via Meravigli 7, che avrà come tema il 350° anniversario della morte di Rembrandt.
Se poi siete stanche, direi che potete fare un salto nel Social Garden Vanity Fair in compagnia di alcuni protagonisti di spettacolo e arte oppure in via Tortona in cui godere della bellezza della natura e provare esclusive beauty experience, bevendo cocktail o partecipando a una cooking lesson
Vi ho incuriosito? E c’è molto altro ancora oltre a feste esclusive su invito! A presto. Lady RSJ

Enoteca Pinchiorri

Posted by on 31, marzo, 2019 in Appunti sulla moda, Racconti di viaggio | 0 comments

Enoteca Pinchiorri: dal 2004 3 stelle Michelin meritate! Ci sono stata e vi racconto che trascorrere una serata all’Enoteca Pinchiorri a Firenze è un rito ed è un’esperienza da provare una volta nella vita. La location è davvero deliziosa infatti si cena in una delle sale del Palazzo Jacometti-Ciofi in via Ghibellina e, come potete immaginare, il palazzo risale al Settecento. Varcare la soglia di questo locale significa essere in uno dei ristoranti più prestigiosi d’Italia e d’Europa.

I proprietari ossia Giorgio Pinchiorri e sua moglie di origine francese Annie Féolde, accolgono con raffinata eleganza gli ospiti. Gli chef, oltre alla signora Annie, sono Riccardo Monco e Alessandro Della Tommasina. Il personale è discreto e cortese garantendo un servizio principesco. Ho scelto un menù degustazione di 4 portate e sono rimasta molto soddisfatta sia per la bontà delle materie prime sia per i sapori che per la presentazione dei piatti. La carta dei vini è riservata ad intenditori: nulla di scontato o di già visto o assaggiato in altri ristoranti stellati. Ve lo consiglio!

A presto

Lady RSJ

A passeggio in Fondazione Prada

Posted by on 10, marzo, 2019 in Appunti sulla moda, ☺Idee per il weekend | 0 comments

Idee-per-il-week-endA passeggio in Fondazione Prada circondata dal bello e dall’arte. Cosa volere di più? Un’idea per una domenica diversa in relax.
Il progetto architettonico sviluppato dallo studio OMA (guidato da Rem Koolhaas) permette di esporre e condividere con il pubblico l’arte moderna nella sua essenzialità. La sede occupa 19.000 metri quadri ed è nata dalla trasformazione di una distilleria risalente agli anni Dieci del Novecento. Si tratta di sette edifici esistenti e tre nuove costruzioni (Podium, Cinema e Torre) che offrono, oltre alle aree espositive, bar, ristorante e cinema. Un ottimo recupero degno di essere visitato. Oltre alle mostre temporanee, si possono ammirare delle installazioni permanenti di artisti importanti e degni di nota.
Spettacolari i “Tulips” di Jeff Koons e le opere di Damien Hirst come “Tears for everybody’s looking at you” (1997) oppure “Mosche e resina su tela” (2002). La Haunted House, rivestita di uno strato di foglia d’oro, ospita installazioni permanenti di Robert Gober e di Louise Bourgeois molto interessanti. Vi cito solo il tombino di bronzo di Gober con cuore pulsante di “Untitled” (2014-2015) e vi lascio la curiosità di visitare e scoprire.
A presto. Lady RSJ

Fashion Week Milano febbraio 2019

Posted by on 3, marzo, 2019 in Appunti sulla moda | 0 comments

Milano è in festa! È appena terminata la Fashion Week autunno inverno 2019-2020 e iniziano i bilanci positivi dal punto di vista dell’indotto e della partecipazione di buyers e stranieri. E noi, donne fashion cosa riassumiamo per i nostri prossimi look? Innanzi tutto che l’inverno prossimo saremo donne sicure di noi stesse. Sarà il trionfo di maxi spalline, tasche, pantaloni ampi, camicie inamidate e cravatte piccoline. E gli accessori? Sneakers, anfibi, borse extralarge e zaini. Le giacche tornano con le spalline ampie come negli anni Ottanta e i tessuti saranno i gessati, il velluto e i quadri con i bottoni dorati. E che bello il trionfo del bianco! Mi piace!
E poi, udite udite, via libera al dolcevita così raffinato ed elegante da indossare sotto la camicia. La donna della prossima stagione fredda è un po’ femminista e poco le importa se l’uomo la guarda o no.
Unica nota fashion un po’ stonata per i miei gusti è il ritorno dei cuissardes. Questi stivali alti sopra al ginocchio così belli da vedere ma così adatti a poche donne saranno di gran moda. Beh! Ci adatteremo… forse!
A presto! Lady RSJ

P. Klee in mostra

Posted by on 19, febbraio, 2019 in Appunti sulla moda, ☺Idee per il weekend | 0 comments

Idee-per-il-week-endP. Klee in mostra: un percorso espositivo tra Astrattismo ed elementi primitivi fino al 3 marzo al Mudec a Milano. Un’esperienza di visita particolare fatta di semplicità e di sensazioni forti e ancestrali. Klee è stato per il mondo dell’arte una figura importante nel XX secolo. Fu un artista a tutto tondo perché si occupò anche di musica e poesia oltre che di pittura. Klee fu esponente dell’Astrattismo e considerava l’arte un mezzo per rappresentare la realtà come qualcosa di semplice ed essenziale. La sua opera esprime questo concetto sia nella “grafica” che nei supporti utilizzati come il cartoncino, la tela o la juta.

Ammirare questo artista è come immergersi in un mondo fatto di simboli primitivi, colori naturali e semplicità. Klee – durante questa mostra – viene osservato sia nelle sue produzioni più conosciute astratte e colorate sia nei suoi lavori meno noti più caricaturali. E’ così possibile vedere l’artista nella sua metamorfosi e nei vari momenti della sua ampia opera.

A presto. Lady RSJ

Priscilla: un musical a Milano

Posted by on 10, febbraio, 2019 in Appunti sulla moda, Racconti di viaggio | 0 comments

Priscilla Regina nel deserto: un musical a Milano tutto anni Settanta. Fino al 3 marzo 2019 al Teatro degli Arcimboldi si balla! Potevo mancare? No!!! Assolutamente no!
Lo spettacolo è tratto dal film “Le Avventure di Priscilla La Regina del Deserto. Priscilla è un’avventura di tre amici che, a bordo di un vecchio bus, viaggiano nel deserto australiano alla ricerca di amore e amicizia. Come finirà? Molto bene. Ve lo assicuro. E penserete alle maschere che dovete indossare ogni giorno. E, ricordate, Felicia, Bernadette e Mitzi sono tre drag queen simpaticissime che vi piaceranno molto. Priscilla è un musical “raggiante”: oltre 500 costumi e una colonna sonora di successi come “I will survive”, “Finally”, “It’s raining man” e altro ancora. Un trionfo di piume, parrucche e piccola trasgressione. E da spettatore fa venir voglia di ballare! Tanta voglia di ballare!
Regia: Matteo Gastaldo
Orchestra dal vivo
Cast: Manuel Frattini Bernadette – Mirko Ranù Adam/Felicia – Christian Ruiz Tick/Mitzi e altri ancora.

Winterreise

Posted by on 7, febbraio, 2019 in Appunti sulla moda, ☺Idee per il weekend | 0 comments

Idee-per-il-week-endEccomi alla Scala ad assistere al balletto Winterreise durante un evento benefico in anteprima a favore dell’associazione Francesca Rava. Winterreise: nuova produzione Teatro alla Scala.
Un balletto di spessore con la coreografia di Angelin Preljocaj. Preljocaj è un artista francese che dopo essersi dedicato alla danza classica si orienta verso la danza contemporanea sotto la guida di Karin Waehner. I suoi lavori sono stati ripresi a livello mondiale da molte compagnie famose oltre a una carriera gratificata da molti premi.
Winterreise è un viaggio nella notte buia dell’anima che insegue una luce amica che guida il Viandante. Una rappresentazione che prosegue il ciclo di balletti su musica da camera avviato dal Teatro alla Scala. Il balletto si esprime sui ventiquattro Lieder per voce e pianoforte (op. D.911) di Franz Schubert pubblicati nel 1827 sulle poesie di W. Muller “Viaggio d’inverno”.
L’opera parte dalla speranza dell’amore ricambiato per una ragazza e prosegue con il gelo per il tradimento di lei fino alla solitudine disperata del Viandante. La figura del viaggiatore accompagna chi assiste in un percorso romantico che coinvolge la natura dolce e imperiosa dove aleggia il senso di morte dell’inverno. Un rappresentazione toccante e velatamente triste che lascia lo spettatore sereno.
A presto.
Lady RSJ

Milano e il cinema

Posted by on 29, gennaio, 2019 in Appunti sulla moda | 0 comments

“Milano e il cinema” in mostra. Il fascino delle mostre fotografiche mi colpisce ancora. Eccomi quindi a Palazzo Morando a Milano per visitare una mostra che, attraverso locandine e foto, racconta il rapporto tra Milano e il cinema. Si osserva come Milano, conosciuta per la finanza, sia stata centro di produzione dei primi teatri di prosa e di set cinematografici importanti. Milano come teatro del genere poliziesco e della nascita del cinema industriale.
Scopro quindi Milano come una città che ha svolto un ruolo di rilievo nella sperimentazione del cinema come Roma e Venezia.
Rendendo visibili al pubblico e raccogliendo in un unico spazio oggetti, manifesti, foto e video, la mostra racconta la storia del cinema a Milano ponendo grande attenzioni ai film ove Milano è stata protagonista.
Si osservano pellicole come “Cronaca di un amore” di Michelangelo Antonioni, “Miracolo a Milano” di Vittorio De Sica e “Rocco e i suoi fratelli” di Luchino Visconti. La mostra aiuta a dare a Milano un’immagine di città dello sviluppo economico attraverso sfondi di vicende amorose e non solo. Che dire di “Totò, Peppino e la malafemmina”?
E’ una mostra che fa rivivere il clima meneghino sfruttando i maestri del cinema italiano.
A presto.
Lady RSJ

Mostra Rosanna Schiaffino e la moda

Posted by on 22, gennaio, 2019 in Appunti sulla moda, Le news di RSJ, ☺Idee per il weekend | 0 comments

Idee-per-il-week-endMi piace la moda e mi piace osservare il cambiamento del costume. Eccomi, allora, a Palazzo Morando dopo una buona spremuta di pompelmo rosa consumata alla “Pasticceria Marchesi” e un piccolo acquisto alla boutique “Prada Montenapoleone”. Mostra “Rosanna Schiaffino e la moda. Abiti da star” a cura di Enrica Morini e Ilaria De Palma per ricordare gli Anni ruggenti Cinquanta e Sessanta. A Palazzo Morando – a seguito dell’ultimo acquisto fatto in tema di moda e costume – c’è l’occasione di ammirare fino a febbraio 2019 alcuni abiti esclusivi di Rosanna. Abiti che sono la testimonianza dei suoi cambiamenti di stile e dell’evoluzione della sua vita privata. La Schiaffino è stata diva del cinema di rara eleganza e signora borghese di raffinata bellezza. Nelle sale del Museo del Costume, della moda e dell’immagine si ammirano prima gli abiti di Federico Forquet (allievo di Balenciaga), di Germana Maruccelli, di Battilocchi e Carosa. Poi si passa al periodo di ritiro dalle scene e, con questo cambiamento privato ossia il matrimonio nel 1981 con Giorgio Falck, a creazioni di Yves Saint Laurent, Valentino e Ferrè.

Abiti belli che fanno sognare in un elegante palazzo seicentesco appartenuto a varie famiglie nobili fino ai coniugi Morando Attendolo Bolognini che, in mancanza di eredi diretti, lo donarono al Comune di Milano dopo la morte della contessa Lydia nel 1945.
A presto. Lady RSJ