Letture serali

Posted by on 6, settembre, 2018 in Appunti sulla moda, Gocce di cultura | 0 comments

Letture serali
L’estate sta finendo e il piacere di leggere un romanzo sotto l’ombrellone svanisce per lasciar spazio alla lettura serale avvolta da una calda coperta sul divano oppure direttamente nel letto adagiata su tutti i morbidi cuscini che riesco a recuperare in casa. Questa è l’immagine della mia persona in versione intellettuale: qualcosa di tutt’altro che raffinato che si rannicchia alla ricerca di calore e di emozioni. Al momento non sono molto soddisfatta dei miei tour in libreria perciò vi segnalo quanto ho letto e sto leggendo che mi sembra degno di essere suggerito.
Un classico che non tradisce mai è il romanzo di Camilleri in commercio da inizio giugno 2018 (intitolato “Il metodo Catalanotti”) che racconta la nuova avventura del mitico commissario Montalbano. Questa volta il nostro Salvo è alle prese con un un morto di cera e un defunto vero.
Il primo strumento di esercitazione per reclutare attori e l’altro passato a miglior vita per aver esagerato nell’applicazione del suo metodo appunto Catalanotti. Il protagonista di questo romanzo è il teatro infatti è proprio il metodo personalissimo che la vittima si è inventato per mettere in condizione gli attori di esprimersi al meglio che permette a Camilleri di creare un romanzo che oscilla tra commedia e tragedia. Per dare poi un tocco “rosa”, Montalbano viene travolto da una passione irrefrenabile nei confronti della nuova responsabile della Scientifica e tradisce Livia con Antonia. Il romanzo è gradevole e, se non disturbano i dialoghi in siciliano, va letto tutto d’un fiato.
Se proprio la scrittura in siciliano non fa per voi, potete scegliere il romanzo uscito a inizio luglio 2018 di Marco Malvaldi intitolato “A bocce ferme”. L’autore con la serie dei gialli comici di costume ha dato una rinnovata al genere. La lettura è leggera, allegra e attraverso i Vecchietti del BarLume racconta una parte d’Italia. Il romanzo si snoda attraverso un vecchio omicidio del 1968 irrisolto che si riapre per una questione di eredità. Si ride mentre scorrono le pagine e si apprezza il racconto di un intricato delitto.
Il romanzo intitolato “Tokyo Express” di Marsumoto Seicho è un sofisticato ed eccentrico thriller che ruota attorno all’incrociarsi di treni dove tutto si svolge in pochissimi secondi. Nella baia di Hakata i corpi di un uomo e una donna vengono rinvenuti all’alba e il colorito accesso delle guance rivela che hanno assunto cianuro. Sarà davvero un suicidio d’amore?
Infine vi suggerisco “La donna alla finestra” di A. J. Finn in commercio da maggio 2018. Anna Fox vive rinchiusa in casa a New York perché se esce viene assalita dal panico e così osserva dalla finestra. Finn riesce ad elevare un romanzo “per vendere” ad un genere letterario senza perdere l’elemento “mozzafiato”. Buona lettura!
A presto!
Lady RSJ

Commenti social

commenti

Dì la tua... scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Formula test! * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>