Puglia e Alto Salento

Posted by on 14, luglio, 2016 in Racconti di viaggio | 0 comments

Puglia e Alto Salento
Puglia e Alto Salento: da visitare. Dopo avervi raccontato della location ove ho soggiornato durante il mio assaggio di mare a inizio luglio, eccomi a darvi resoconto di qualche giretto che ho fatto già che mi trovavo da quelle parti.
La Puglia, infatti, offre molte possibilità di visita ed è ricca di graziose città e cittadine da osservare.
Una meta turistica che non può essere evitata è Alberobello. Un concentrato di casette caratteristiche che lasciano un profumo di passato agricolo che, per chi vive nelle città metropolitane, è un ricordo. Si tratta di un comune in provincia di Bari al centro della Terra dei Trulli noto per le costruzioni molto particolari di forma conica. L’origine di queste abitazione fu un editto del XV secolo che imponeva una tassa ad ogni nuovo insediamento urbano. I nobili proprietari del terreno imposero ai contadini di costruire a secco (ossia senza malta) per facilitare la demolizione delle loro abitazioni. La forma tonda e il tetto a cupola, dovendo utilizzare solo le pietre, si rivelò la soluzione edile più solida.
Ostuni è stata una bella sorpresa. Cittadina chic e caratteristica mi è rimasta nel cuore soprattutto se vista in serata. È detta anche Città Bianca in quanto il suo centro storico è quasi interamente dipinto con calce bianca. È ricca di locali… per un aperitivo o una cena di pesce da favola.
Per lo spettacolo naturale, vale una sosta Polignano a mare. Le sue grotte e l’insenatura nel centro del paese sono meravigliose.
A presto! E buona visita!
W il Salento!

Commenti social

commenti

Dì la tua... scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Formula test! * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>